Conversazioni

Metti una sera d’estate, quattro mamme stanche e accaldate attorno al tavolo di una di loro, mentre nella stanza accanto si stanno consumando gli ultimi bocconi di una festa di compleanno.
Una di loro appoggia lo sguardo sulla fiacca attività di una lumachina d’acqua che sta rinettando senza fretta le pareti dell’acquario, i cui ospiti d’onore sono tre superbi pescetti rossi.
– Ci sono voluti mesi e alcuni pesci rossi perché trovasse il suo equilibrio- ci informa la padrona di casa, rivelando il recente travagliato passato di quel piccolo ecosistema.
– Oh, mamma, mi viene in mente l’orrore di trovarli a pancia molle in superficie, poveretti- sbotto io, ricordando all’improvviso quei primi rozzi incontri con l’aldilà.
– Il mio una volta si è buttato dalla boccia nel water…non sono riuscita a riacchiapparlo nè con le mani nè col retino e alla fine mi scappava la pipì e ho dovuto tirare lo sciacquone – dice un’altra – magari è ancora vivo da qualche parte.
– Oh, io una sera, era dicembre, sono arrivata a casa da lavoro molto tardi ed erano giorni che il criceto non usciva dalla paglia. Ho pensato fosse morto e allora l’ho messo in balcone perché non puzzasse…solo che non l’ho guardato subito. Al mattino, certo, era morto, ma m’è rimasto il dubbio che non lo fosse la sera prima…forse l’ho assiderato-
-Che dispiacere-
– Mio zio mi ha congelato la tartaruga-
– Pensa che un’estate da ragazzina mi era stato affidato il topo ballerino della classe. Era delizioso. Minuscolo. Purtroppo un pomeriggio, mia mamma l’aveva appoggiato in una scatolina sul balcone e – puff- una folata di vento l’ha portato via-
– Povera creatura-
– Comunque, Chiara, i pesci rossi spesso sembrano solo morti- mi informa la mamma del pesce nel wc- ma se cambi subito l’acqua e li spingi dolcemente verso il fondo spesso si riprendono.
– Mi stai dicendo che Lapo non era veramente morto?-
– Eh, forse-
Metti una sera d’estate qualunque, scoprire dopo vent’anni che il pesce rosso non era davvero morto. Che dispiacere.

16 pensieri su “Conversazioni

  1. Quando ripenso, a 30 anni di distanza, ai miei criceti morti in auto per il troppo caldo…. Sto ancora male. Mia mamma e mio fratello mi dicevano “Ma dai. Stanno solo dormendo”. Io avevo capito tutto…E quanto soffrivo !

    Liked by 2 people

  2. Attenzione alla LAV!!!!! Comunque essendo rimasto profodamente addolorato dalla morte del mio gatto lo scorso anni, questo post lo trovo un po’ traumatico per me … non era meglio parlare di sesso cone le altre mamme? 😉

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...