Ero una persona migliore, prima di diventare mamma (almeno così credevo)

Mamma, non è che le orecchie a Nocciolina le hai proprio pulite tutte le sere– mi fa notare Mademoiselle C, riferendosi alla cura contro gli acari auricolari per l’ennesima femmina approdata a casa nostra (la quinta), una gattina tricolore di quattro mesi.
Sì, che l’ho curata bene– protesto io.
Hai dimenticato di farle il trattamento sia sabato che mercoledì– precisa lei.
Su due settimane, due giorni non sono niente, dai– cerco di difendermi.
Va bene, mamma, però non dire che l’hai fatto tutte le sere– conclude, senza possibilità di replica.

Non c’è niente come un’anima schietta che mi aiuti a rettificare la mia idea di me.

Credevo di non essere affatto ansiosa, poi ho capito che vado in agitazione anche per molto poco, se di mezzo ci sono loro, le mie tre anime schiette.

Mi son sempre ritenuta paziente. Da quando ho generato tre palati fini che raramente gioiscono di quel che metto loro nel piatto, ho capito che so trasformarmi in un batter d’occhio in una stronza irritabile.

Pensavo di essere organizzata, invece non c’è sveglia preventiva che regga: al mattino sono sempre in ritardo davanti ai cancelli della scuola.

Ero convinta di avere un’ottima memoria, ma i miei archivi neurologici traboccano di informazioni su compiti a casa, iscrizioni a catechismo, modelli ideali di penne cancellabili. Non ci sta più nulla.

Consideravo di possedere una buona capacità di ascoltare le persone, so che non ho più tempo per una grassa chiacchierata.

Mi pareva persino di avere un discreto pollice verde. Ora esaurisco tutto il mio potenziale di cura degli esseri viventi sul genere umano – anzi, genere bambino- e adieu regno vegetale.

Prima di diventare mamma, contavo di avere degli strumenti per diventare un’ottima genitrice. Quando lo sono diventata, ho dovuto ingoiare il rospo che non si fa quel che si è (o si crede di essere) ma solo quel che si può.

medinilla-641393_960_720

 

 

20 pensieri su “Ero una persona migliore, prima di diventare mamma (almeno così credevo)

  1. Ieri sera sono andata in crisi anche io. A dire il vero ultimamente mi capita sempre più spesso. Sono molti e sempre più numerosi i momenti in cui mi fermo e mi faccio esami di coscienza per vedere se il mio comportamento nelle più disparate circostanze è corretto o meno. Con i figli, e con chiunque mi circondi. La cosa bella che mio marito ha detto nel momento in cui gliene ho parlato è stata: “Nel momento in cui lo noti, ci pensi e lo ammetti a te stessa.. sei già migliore di prima” e ancora mi commuovo.

    Liked by 3 people

  2. Come mi dicesti tu una volta, credo che probabilmente tu pretenda un tantino troppo da te su tanti fronti…per questo poi se ne esce provati e non si pensa di raggiungere gran risultati. Io credo che tua sia una persona bella, punto! E lo eri prima di essere mamma e lo sei anche oggi, credi a me 😉 un bacio

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...