Into the bag

Le borse personali racchiudono storie. E quando ti portano via una borsa personale (come è accaduto a me qualche giorno fa) ti portano via anche quelle storie. Bisogna raccontarsele, per non perderle definitivamente.

La mia borsa era uno zaino di iuta artigianale, comprato in un mercatino ad Ormea, al ritorno dalle vacanze al mare a fine luglio. La signora, di cui non conosco il nome e me ne dispiaccio moltissimo, ne ha fatte molte di diversi modelli, utilizzando sacchi grezzi di caffè. Era un pezzo unico, originale, molto ben rifinito. Conteneva diversi oggetti, ognuno con la sua storia.

– Un astuccio verde smeraldo con il cellulare; l’avevo comprato in una cartoleria nel giorno in cui ho ricevuto in assoluto la peggiore delusione lavorativa che ho provato finora. A un passo da un traguardo importante, sono stata sorpresa da una doccia gelata, realizzando di non vivere nel migliore dei mondi possibili. Ho tentato di scaldarmi con un piccolo astuccio verde smeraldo. Credo di avercela fatta, tutto sommato, a riprendere la mia normale temperatura corporea.

– Due trousse morbide, che mi ha regalato qualche Natale fa il signor Pàpici, alla mia richiesta di un contenitore impermeabile per la doccia in piscina. Ovviamente non erano impermeabili, ma così carini da meritare un posto in borsa. Contenevano oggetti d’uso personale, tipo spazzolino, assorbenti, collirio, tachipirina. Fuori c’era una scritta fuffolosa, tipo “only for cutie girls”, che mi faceva sorridere.

– Un microportapenne fucsia con dei matitoni colorati (uno arancione e uno ciclamino) risalenti all’epoca in cui prendevo appunti all’università e una vecchia pendrive risalente alla gran fatica del convegno internazionale organizzato con Signorina A e Mademoiselle C in pancia, quando indossavo quel tal abito pré-maman, indossando il quale son stata affettuosamente definita “artichoke”.

– Un nécessaire da cucito comprato da una casa produttrice inglese terribilmente radical chic, risalente al periodo (intorno ai miei trent’anni e alla mia prima maternità) di infatuazione per il faidate sartoriale.

– Un paio di occhiali da sole graduati, scelti con la mia mamma.

– Un portafoglio bellissimo, comprato da un paio di settimane, nel negozio -molto bello- di un’amica.

– Un portamonete arancione, regalo di compleanno dei miei cognati, che me l’avevano accuratamente scelto del colore dell’agenda, mettendo una pezza alla mia naturale propensione a mescolare (talvolta indecorosamente) i colori.

– La mia agenda 18 mesi, appena iniziata.

– Una piccola trousse con dentro tutte le chiavi della mia vita, acquistata nella bottega equosolidale che frequento abitualmente, con stilizzata una volpe che assomigliava tantissimo a quella disegnata per la prima volta da Saint-Exupéry.

– Un delizioso portacarte di cuoio lilla, artigianale, regalo della mia amica e collega B, in occasione di un paio di Natali fa, infarcito di tutte le carte fedeltà degli esercizi commerciali nel raggio di 20 km.

– Una power bank veramente trendy, con un sacco di disegnini trendy, che forse mancavano solo i flamingo e gli unicorni e poi c’erano proprio tutti all’appello. Me l’ha regalato la mia amica L, colei che mi fa i regali in assoluto più belli, perché conosce a menadito l’adolescente che è in me.

Insieme alla borsa personale hanno portato via anche un borsone di tela grezza con disegnato l’albero del riciclo, proveniente niente popò di meno che da Nuova York (mio fratello e mia cognata dovranno recarcisi nuovamente apposta per ricomprarmela uguale identica).

E pure la mia borsa del pranzo, mortacci. Non so perché ma il sottrarmi un turgido cuore di bue con le diaboliche gallette di mais, mi è sembrato veramente una gran scortesia.

 

 

 

 

 

 

15 pensieri su “Into the bag

  1. Mi dispiace. Davvero sembra che le cose si portino dentro un pezzo di noi. Se ti può consolare, a me hanno rubato, imbrogliandomi, un trasloco internazionale intero- strapagato e mai recuperato. Quindici anni di vita. Soffro moltissimo ancora adesso. Eppure bisogna imparare a farne a meno. Un abbraccio. m

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...