Piccolo campionario di quelle volte che pensiamo pensieri già pensati e diciamo cose già dette.

winter-20248_960_720

Capita spessissimo, molto più di quanto ci premuriamo di accorgercene, che percorriamo sentieri mentali e verbali già aperti da qualcun altro. È proprio come se fossimo di fronte a un prato durante una copiosa nevicata e camminassimo sulle orme lerce di chi è passato prima di noi, anziché avventurarci a profanare noi stessi il nostro personale spazio di candore.

Pensiamo pensieri già pensati, diciamo cose già dette.

Mondo migliore. Avete mai notato come spessissimo il sostantivo “mondo” si trovi accompagnato dall’attributo “migliore”? Lo troviamo negli ideali degli adolescenti, tra le nostalgie degli anziani, nelle parole della canzoni, nelle promesse dai pulpiti, nelle speranze degli innamorati e delle donne incinte. È una pratica linguistica che ha un che di poetico, perché contiene una meravigliosa e incessante tensione verso il miglioramento. D’altra parte, tuttavia, contiene un’infida inclinazione a lamentarsi delle contingenze. Io faccio questo esercizio: ogni tanto affianco a “mondo” anche l’aggettivo “peggiore”, così, per sentirmi fortunata gratis. Dopotutto i Leibniz non sono unicamente dei biscottini al burro.

Prendersi male per dei traguardi.  Tipicamente sono i numeri tondi: ci appaiono come traguardi che sembrano la fine di qualcosa di meraviglioso e l’inizio di qualcos’altro non esattamente all’altezza. Può capitare anche per l’arrivo di un bambino che ti rende zio o nonno, per una svolta professionale, anche solo per un apparentemente innocuo Capodanno. La verità è che ci piace immaginare la linea esistenziale che percorriamo vivendo come costellata di pietre miliari, archi di trionfo, panchine, o pensiline per ripararsi un po’. Ma alla fine non facciamo altro che camminare incessantemente e, mentre si cammina, ogni traguardo è solo una linea immaginaria (chi la chiama linea d’ombra, chi la vede rossa e sottile), che dopo un po’ di ridimensiona alle proprie spalle.  Da sempre faccio l’esercizio di pensarmi dopo al traguardo che in qualche modo mi preoccupa o spaventa. Mi trasferisco con la mente a quando lo avrò oltrepassato. Lo facevo già al liceo, al culmine dell’ansia prima dell’interrogazioni di fisica: mi fermavo un attimo e preassaporavo il senso di liberazione che avrei provato dopo. Quando mi preoccupavo dei trent’anni mi sono immaginata come li avrei rimpianti a quaranta. Un po’ funziona per davvero.

La vita è una ruota che gira. Non so voi, ma io difficilmente sono riuscita a ritornare al punto di partenza, anche volendolo fortissimamente. Se proprio la vogliamo pensare rotonda a tutti i costi, questa vita al massimo è una girella di liquirizia, per mangiarla devi comunque srotolarla.

Il treno passa una volta sola. Date un’occhiata al cartellone delle partenze, quello giallo, in una stazione qualsiasi. Scoprirete definitivamente che i treni passano tutti i giorni, più o meno alla stessa ora, con qualche eccezione nei festivi. Le metafore sono un magnifico strumento per descrivere la realtà, ma se diventano troppo ingombranti fomentando immotivate ansie da prestazione, meritano una museruola.

Oramai è tardi. La locuzione delle occasioni perdute, andrebbe assolutamente centellinata. D’altra parte non ci si può fidare di un’espressione che contiene in soli 11 caratteri ben tre avverbi di tempo, per di più con significati completamente opposti: ora, mai, tardi. Dai, non si può proprio sentire.

26 pensieri su “Piccolo campionario di quelle volte che pensiamo pensieri già pensati e diciamo cose già dette.

          1. sono un po’ impegnata a lottare per la carriera che sogno ma non riesco ad avere e a risponde a tormentone dei parenti “quando trovi un fidanzato?”. per vedere il lato positivo della cosa credo che avrò presto un sacco di materiale per il blog 🙂

            Liked by 1 persona

  1. È proprio vero, viviamo di luoghi comuni, perchè in fin dei conti la mente di noi piccoli esseri umani funziona allo stesso modo per tutti. Pensiamo queste cose già pensate, dette e scritte da miliardi di altri individui, in milioni di altre lingue: ma il concetto non cambia. L’unica cosa che mi consola è che se una persona ha quel piccolo lume in più è in grado di aggiungere la sua interpretazione dei fatti e non prendere questi pensieri come leggi non scritte alle quali non si può sfuggire. Grazie per la riflessione profonda e buona domenica.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...