L’era dell’ansia

Si comincia all’ultimo anno della scuola dell’infanzia, quando si mettono in atto dei cambiamenti nella routine giornaliera per prepararsi alle scuole elementari. Non si fa più la nanna pomeridiana, si comincia a prendere dimestichezza coi numeri e le lettere, si impara qualche parola di inglese.

In quarta elementare ci si comincia a preoccupare del salto alla scuola secondaria. Le insegnanti fanno i primi incontri tra ordini diversi, si lavora per prepararsi al salto.

Alle media, già in seconda si partecipa agli Open Day delle scuole superiori per orientarsi nella scelta futura; chi ha deciso di iscriversi ad indirizzi per i quali sono previste materie mai fatte comincia magari a farsi un’idea coi primi rudimenti. Ecco che nasce qualche laboratorio pomeridiano di latino.

Nel biennio delle superiori, quando sei in seconda è giusto prepararsi al passaggio ai nuovi insegnanti, che il triennio è davvero difficile. In quarta cominci a sbirciare le guide di orientamento delle università o gli annunci di lavoro.

Il ritornello che mai si placa è “prepariamoci perché dopo non sarà come adesso, dopo sì che sarà difficile“. Le elementari non saranno mica come l’asilo, bisognerà stare seduti e fermi a lavorare per tante ore. Le medie non saranno mica come le elementari, gli insegnanti ti tratteranno con distacco chiamandoti per cognome. Le superiori non saranno mica come le medie, dovrai studiare il doppio per ottenere risultati che saranno soddisfacenti la metà. L’università non è mica come le superiori, i docenti non sapranno nemmeno come ti chiami. Il mondo del lavoro non è mica come quello della scuola, sarai senza protezioni e dovrai cavartela comunque, in qualsiasi situazione, solo sulle tue gambe.

Poi uno si chiede perché questa è l’era dell’ansia.

La cosa bella è che, ogni tanto, ci si può fermare e fare mente locale. Il mondo, dopo tutto, è fatto essenzialmente di tre cose: la Natura con le sue regole, l’uomo con le sue scelte, il caso con i suoi imprevisti. Io dico che se almeno, poco poco, le scelte fossero fatte nel rispetto delle regole della Natura e della dignità dell’uomo, ci resterebbe solo il caso da fronteggiare e lo potremmo fare con una certa dose di serafica e condivisa accettazione.

(illustrazione di Marjan Sadeghi https://www.instagram.com/marjillu/?hl=it )

18 pensieri su “L’era dell’ansia

  1. Il post perfetto per me che soffro di ansia! Infatti mi hai fatto venire l’ansia (no, scherzo, quella già la tengo di mio!)
    Però, è vero. Si va troppo veloce, non si riesce a godere del momento, si pensa ad un futuro che sarà sempre peggiore e così l’ansia aumenta. Arrivati all’università (o nel mondo del lavoro) non sai nemmeno cosa ti aspetta dopo… Mah! Chissà se si riuscirà mai a sconfiggerla del tutto o sarà una compagna di molte generazioni
    Grazie, mi hai fatto dimenticare per qualche minuto dei problemi ❤

    Piace a 1 persona

  2. Grazie del bel testo,
    condivido quanto scrivi e aggiungo un mio pensiero. Personalmente, credo che l’essere concentrati sempre al “poi” è uno dei problemi delle società occidentali. E’ importante prepararsi a quello che potrebbe accadere, ma solo se questo non avviene a discapito del vivere al meglio il presente.
    Sempre proiettati verso un domani indefinito (e spesso temuto) ci si dimentica facilmente di gioire della magia dell’attimo che si sta vivendo.

    Piace a 1 persona

  3. Grazie del bel testo,
    condivido quanto scrivi e aggiungo un mio pensiero. Personalmente, credo che l’essere concentrati sempre al “poi” è uno dei problemi delle società occidentali. E’ importante prepararsi a quello che potrebbe accadere, ma solo se questo non avviene a discapito del vivere al meglio il presente.
    Sempre proiettati verso un domani indefinito (e spesso temuto) ci si dimentica facilmente di gioire della magia dell’attimo che si sta vivendo.
    Un abbraccio

    Piace a 2 people

  4. E dopo, quando finalmente il figlio, la figlia, hanno finito gli studi, c’è l’ansia per il lavoro, se riescono a trovarlo, se riescono a mantenerlo, e poi, ci sarà l’ansia per il loro matrimonio, per i loro figli…beata la gatta che quando i figli sono autosufficienti li scaccia dal territorio e se li incontra manco li riconosce.

    Piace a 1 persona

  5. A tale proposito sto leggendo un libro dal titolo Vita su un pianeta nervoso che è abbastanza chiarificatore su quanto stiamo vivendo.
    Allo stesso tempo io sono una mamma che solitamente svia commenti del tipo: goditela adesso perchè dopo!!!!
    brava bell’articolo
    Veronica

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...